Traumi dentali

Traumi ai denti da latte

Il trauma sui denti da latte, così come quello sui denti permanenti, si può estrinsecare in diversi tipo di danno. Ma ci sono delle precise peculiarità e caratteristiche che richiedono idee molto chiare da parte del medico (statisticamente solamente pochi specialisti di pedodonzia e traumatologia infantile sono davvero pronti ad affrontare questo argomento, e mi prendo fino in fondo la responsabilità di questa affermazione, senza entrare nella descrizione dei motivi), e un trattamento alle volte molto diverso fra un deciduo o un permanente che hanno subito trauma.. Infatti molti si ostinano a conservare il dente da latte traumatizzato, proponendo trattamenti fantasiosi od inverosimili, come se si trattasse di un permanente (che viceversa andrebbe conservato ad ogni costo..), non pensando alle conseguenze di ciò sul dente che sta sotto, permanente, come descriverò più avanti.

Trauma al dente permanente

traumi1Danno sul dente stesso: ci possono essere frattura dello smalto, frattura smalto/dentina frattura con esposizione pulpare, frattura della radice del dente.

  • Danno sui tessuti di sostegno: osso, con frattura dell’alveolo, ovvero di una o più pareti ossee della sede del dente – frattura del mascellare superiore o inferiore
  • Danno sui tessuti di sostegno: parodonto, concussione e sublussazione, ovvero una lieve mobilità, un allentamento dalla sede del dente, che spesso sono reversibili senza danno, a seconda dei casi. Lussazione estrusiva, laterale, intrusiva, avulsione, che sono quadri più gravi che portano spesso fatalmente alla perdita del dente. Il tipo di trauma che si verifica, dipende molto dalle modalità dell’incidente, le forze d’urto, etc. Semplificando al massimo, giusto per fare un esempio, se il bimbo sbatte in verticale sul bordo della piscina, forse ci sarà una lussazione con intrusione (pericolossissima per il permanente), mentre se gli va sul viso l’altalena potremo avere una lussazione laterale con meno rischio per la gemma del permanente, come diremo fra poche righe.

Ci può essere una prevalenza del tipo di trauma a seconda dell’età del bambino e del tipo di dente, se da latte o permanente: si può dire molto genericamente (senza generalizzare: tutto dipende da fattori della dinamica dell’incidente e dai vettori delle forze, etc) che nei bimbi piccoli, con denti da latte, prevalgono tutti i danni a carico dell’osso e del parodonto (lussazioni etc), mentre nel bambino più grandicello che ha permanenti da qualche tempo, prevale il danno al dente stesso (fratture della corona etc). Questo perchè quando si applica la forza, nel piccino cede l’osso che è più “morbido” e il dente rimane pressochè intatto mentre a partire da un paio di anni dopo l’eruzione del permanente, così come nell’adulto stesso, a cedere è il dente, che si spezza, perchè l’osso è più compatto.

traumi2

traumi3